Archivio di Stato di Padova, Corte d’Assise Straordinaria, b. 868, fasc. sentenza n. 448 su Marzon Bruno et al., f.s., foglio 339

Verbale di istruzione formale L’anno 1946 il giorno 9 del mese di Aprile in Padova (…) E’ comparso Soranzo Vinicio di Francesco di anni 26, meccanico da Albignasego, via fabbrica N. 91, il quale ammonito e interrogato risponde: Una sera verso la fine del 1943 dopo essere stato assente due giorni stavo rientrando in casa quando fui fermato e tenuto sotto la minaccia delle armi dal Di Velo che accompagnava dei militari tedeschi alla ricerca di prigionieri inglesi. Infatti due prigionieri furono trovati a casa mia mentre altro era stato trovato in casa di Gomiero. Fummo quindi portati via assieme ai tre prigionieri io ed il Gomiero per espressa volontà del Di Velo mentre l’ufficiale tedesco avrebbe voluto lasciarci a casa. Fui anch’io sia quella sera che successivamente percosso dal Di Velo durante l’interrogatorio. La mia liberazione fu poi ottenuta per l’intervento di un comando tedesco presso il quale lavorava mia madre. Anche mia sorella Maria era stata percossa. Mio fratello Giuseppe non era quella sera a casa ma a Milano ove tuttora trovasi Via Carcale N. 7. E’ vero che mio fratello Giuseppe ha sposato Babetto Flora sorella della Elsa. Costei era fidanzata col Barani Enrico – fascista repubblicano – proprio quella sera, come ho scoperto poi, sia il Barani che un prigioniero inglese erano stati in casa dalla Babetto. Dopo un quarto d’ora che il prigioniero tornò in casa dal Gomiero si riversò il Di Velo coi tedeschi. E’ quindi da sospettare che vi possa essere una certa relazione tra i suddetti fatti per quanto nulla di preciso possa affermare contro la Babbetto e il Borrani. L.C.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...