Archivio di Stato di Padova, Corte d’Assise Straordinaria, b. 869, fasc. sentenza n. 456 su Cattani Primo, foglio 14

UFFICIO DI POLIZIA GIUDIZIARIA PRESSO LA CORTE STRAORDINARIA D’ASSISE PADOVA

0102 di prot. Padova, lì 30 luglio 1945

OGGETTO: CATTANI PRIMO – ex vicefederale di Padova

AL PUBBLICO MINISTERO

Presso la Corte Straordinaria d’Assise e p.c.: ALLA R. QUESTURA – PADOVA –

————-

Sul conto della persona in oggetto che tuttora è latitante, l’arma Conselve ha comunicato quanto segue:

Il CATTANI Primo, ex vice federale di Padova, esplicò la sua azione attiva nel mandamento di Monselice quale propagandista, conferenziere e organizzatore di numerosi rastrellamenti effettuati nella zona del mandamento contro i patrioti.

Il CATTANI, quale comandante anche delle brigate nere, si manteneva in continuo contatto con ufficiali superiori tedeschi e fece arrestare ed internare garibaldini e altri elementi che esplicavano attività antifascista.

A conferma della sua opera svolta si allegano le accluse n. 6 denuncie rilasciate dalle sottonotate persone a carico del CATTANI Primo.

  • TIBERIO Bernardini 27 giugno 1945
  • TIBERIO Bernardini id.
  • BAVEO Ottavio di Tullio 28 id.
  • BOLDRIN Erminio di Romeo 28 id.
  • BOTTARO Leonida di Floriano 1° luglio 1945
  • ALFIO Rossi
  • TELANDRO Giuseppe
  • PADOVAN Lino
  • CAVESTRO Mario
  • MARCOLONGO Enrico
  • GIALAIN Danilo
  • BERNARDINI Tibero (da ALFIO in poi tutti il 7 luglio 1945

Da notizie avute sembra che il CATTANI sia stato tratto in arresto, verso la metà del mese di maggio u.s. da elementi partigiani in servizio ad un posto di blocco nei pressi di Rovereto.

A carico del CATTANI non sono stati presentati altri atti d’accusa. Dall’11/9/44 all’insurrezione ricoprì la carica di vice presidente del cessato consiglio provinciale dell’economia corporativa. Nel quale ufficio pur manifestandosi sempre di spirito fascista non compì atti di faziosità. Sovente ebbe a minacciare per motivi politici il licenziamento di personale ma non so per altro dalle parole ai fatti. Si allegano gli atti assunti. IL DIRIGENTE L’UFFICIO P.G. [sotto risulta scritto a penna: “V. al P.M. presso la Corte Straord. Di Assise Este con preghiera di sentire i denuncianti. Pad. 01.8.45 Fai”, ndr.]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...