Archivio di Stato di Padova, Corte d’Assise Straordinaria, b. 868, fasc. sentenza n. 448 su Marzon Bruno et al., f.s., foglio 313

VERBALE istruzione formale L’anno 1949 il giorno 9 del mese di Aprile in Padova Avanti di Noi Dott. Cav. Luigi Burato Giudice Istruttore Tribunale di PADOVA assistiti dal sottoscritto cancelliere è comparso Simioni Virginio di Fortunato di anni 50, agricoltore, da Cittadella contrada Facca, il quale ammonito e interrogato risponde: Confermo il mio esposto a foglio 136. Non so quali rapporti la Liviero Stella che abita in contrada S. Donato avesse con Mazzon; probabilmente aveva avuto dei favori dagli stessi. Le promesse e le richieste di roba ci furono fatte dal Mazzon Bruno. La roba veniva portata in casa dei Mazzon. La roba che noi abbiamo dato ammontava complessivamente a circa trentamila lire di valore. Dopo che si seppe che mio figlio era stato deportato il Mazzon non si è fatto più vedere. Mio figlio è tornato dalla Germania fin dall’estate dell’anno scorso. Successe in casa mia mentre mio figlio era ancora in carcere a Padova che il Mazzon Bruno diffidò certo Ausiglieno Antonio che abita vicino a me di non parlare minacciandolo altrimenti con il mostrargli la sua pistola. L.C.S. Simioni Virginio Successivamente è comparsa la teste Lago Maria la quale ammonita e interrogata risponde: Sono Lago Maria di fu Antonio di anni 43 coniugata Simione. I.R. Confermo l’esposto a foglio 136 firmato altrema (?) a mio marito e (…) pure le odierne deposizioni di mio marito. L.C:S: Lago Maria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...